Cubismo vs Espressionismo: Similitudini e differenze

Il cubismo emerse in Francia intorno al 1907 e durò fino al 1914. Le opere d’arte cubiste sono tipicamente caratterizzate da una composizione frammentata che rappresenta il soggetto da tutte le angolazioni o da piani geometrici sovrapposti. Gli artisti Pablo Picasso e Georges Braque guidarono il Cubismo attraverso le sue fasi: Proto-cubismo, Cubismo analitico e Cubismo sintetico.

L’espressionismo è emerso in Germania all’inizio del XX secolo ed è durato dal 1905 al 1920 circa. La pittura espressionista presenta tipicamente il mondo da una prospettiva soggettiva, distorcendo radicalmente il soggetto per effetto emotivo, per evocare emozioni o idee intense. Tra i principali artisti espressionisti figurano Edvard Munch, Ernst Ludwig Kirchner, Egon Schiele, Wassily Kandinsky e molti altri.

Il cubismo e l’espressionismo presentano molte analogie, le tre più significative sono la pennellata sciolta, il soggetto distorto e il rifiuto delle convenzioni della pittura accademica.

Le tre principali differenze tra Cubismo ed Espressionismo sono l’uso del colore, l’interpretazione soggettiva e il trattamento della forma.

Similitudini tra cubismo ed espressionismo

Il cubismo e l’espressionismo presentano molte analogie, le tre più significative sono la pennellata sciolta, il soggetto distorto e il rifiuto delle convenzioni della pittura accademica.

Cubismo ed Espressionismo: Pennellate sciolte

Il Cubismo e l’Espressionismo sono tra i primi movimenti artistici occidentali a utilizzare pennellate spesse ed espressive. Entrambi i movimenti hanno cercato di allontanarsi dalle convenzioni della rappresentazione letterale e di abbracciare uno stile pittorico più espressivo, emotivo come l’Espressionismo o tecnico come il Cubismo.

I cubisti riassemblano i loro soggetti usando pennellate brevi, simili a schizzi, per costruire colore e valore in strati opachi. Le pennellate sciolte potevano anche suggerire una varietà di emozioni, soprattutto se abbinate ai colori, rendendo questa tecnica essenziale per molti pittori espressionisti.

Le pennellate pittoriche e taglienti dell’espressionista Ernst Ludwig Kirchner trasmettono un senso di tensione in Street, Berlin, nella foto qui sotto:

Street, Berlin, Ernst Ludwig Kirchner, 1913, olio su tela, Museum of Modern Art New York.

Cubismo ed Espressionismo: Soggetti distorti

Il Cubismo e l’Espressionismo rifiutano l’illusione della realtà che era al centro dei movimenti artistici del Realismo e del Naturalismo. Il Cubismo e l’Espressionismo hanno invece cercato di reinterpretare la realtà attraverso una lente più ludica ed espressiva. Le pennellate sciolte, i giochi prospettici e i colori decisi delle opere d’arte cubiste ed espressioniste hanno inevitabilmente distorto il loro soggetto. Le distorsioni erano evidenti nei ritratti, nelle nature morte e nei paesaggi.

Il famoso dipinto dell’espressionista Edvard Munch L’urlo, raffigurato qui sotto, mostra una figura il cui volto e le cui mani sono distorti, apparendo lunghi e languidi, senza una definizione realistica:

L’urlo, Edvard Munch, 1893, pastello a olio e tempera su cartone, Galleria Nazionale di Oslo.

Cubismo ed Espressionismo: Rifiuto dell’Accademia

L’espressionismo prende le distanze dalla tradizione storica dell’arte rifiutando la venerazione per la pittura di genere sostenuta dalle accademie d’arte europee. L’Espressionismo non idealizza i suoi soggetti né li pone in una gerarchia. I pittori espressionisti reinterpretano i loro soggetti attraverso la loro lente soggettiva.

Allo stesso modo, i pittori cubisti rifiutarono la tradizione dipingendo composizioni frammentate con piani sovrapposti piuttosto che la prospettiva lineare del Rinascimento. I cubisti hanno anche evitato le gradazioni di valore e hanno abbandonato del tutto l’illusione della profondità sviluppando l’immagine del
papier collé
(carta incollata).

Differenze tra cubismo ed espressionismo

Le tre differenze critiche tra Cubismo ed Espressionismo sono l’uso del colore, l’interpretazione soggettiva e la gestione della forma.

Cubismo ed Espressionismo: Il colore

I dipinti cubisti, in particolare quelli della fase del Cubismo analitico, presentano una tavolozza di colori monocromatica con toni prevalentemente scuri e terrosi. I cubisti hanno spesso utilizzato una scala monocromatica per mantenere l’attenzione dello spettatore sulla struttura e sulla forma avanguardistica dei loro soggetti.

Una tavolozza limitata di toni terrosi è visibile nella Natura morta (violino e candeliere) di George Braque , qui sotto:

Georges Braque, Natura morta (violino e candeliere), 1910, olio su tela, San Francisco Museum of Modern Art.

D’altra parte, i pittori espressionisti usavano il colore in linea con gli intensi stati emotivi che volevano trasmettere. Gli espressionisti usarono colori intensi e non naturalistici per raggiungere un senso di protesta artistica e concettuale, una reazione ai movimenti artistici precedenti e allo stato preoccupante del mondo dell’epoca.

La Composizione IV di Wassily Kandinsky presenta una gamma di colori primari con linee d’accento più scure che collegano gli elementi della composizione, come si vede qui sotto:

Composizione IV, Wassily Kandinsky, 1911, olio su tela, Kunstsammlung Nordrhein-Westfalen, Düsseldorf, Germania.

Cubismo vs. Espressionismo: Interpretazione soggettiva

I pittori espressionisti esprimono una scena come esisteva nella loro mente piuttosto che come appariva nella realtà. Gli artisti espressionisti usavano pennellate sciolte e rapide, forme distorte e colori decisi per esprimere sentimenti come angoscia, ansia e alienazione.

I cubisti erano meno interessati all’interpretazione soggettiva e si concentravano principalmente sulla reimmaginazione della realtà attraverso cambiamenti stilistici rivoluzionari, una reazione all’arte moderna. I cubisti sperimentarono modi alternativi di rappresentare un soggetto nello spazio, rifiutando le convenzioni stilistiche della pittura accademica francese.

Cubismo ed Espressionismo: Forma

I dipinti cubisti ed espressionisti sono altamente riconoscibili per il modo in cui reimmaginano la forma. Molti pittori espressionisti avevano esperienza nella stampa, che può rendere un’immagine piatta e cruda, quasi bidimensionale.

Anche i dipinti cubisti dimostrano la bidimensionalità, ma manipolano il loro soggetto al punto che gli arti di un soggetto umano, un tempo di forma organica, vengono riassemblati come un insieme di cubi, cilindri e coni.

Quali sono gli altri movimenti artistici simili al cubismo e all’espressionismo?

Come il Cubismo, l’Espressionismo è stato influenzato dal movimento artistico del Fauvismo, il che spiega la tendenza dell’Espressionismo a composizioni stridenti e a colori vivaci, talvolta arbitrari. I movimenti cubista ed espressionista si sono sovrapposti a numerosi altri movimenti artistici emersi all’inizio del 1900, tra cui il Futurismo e il Dadaismo.

Il fauvismo fu un movimento di breve durata che emerse intorno al 1905 e si dissolse intorno al 1908. Il fauvismo rifiuta la tavolozza di colori tenui e pastello dell’impressionismo ed è caratterizzato da colori audaci e contrastanti e da pennellate sciolte. I dipinti fauvisti sono figurativi, il che significa che il soggetto è riconoscibile ma tende all’astrazione.

About Amy Meleca, M.A.

Amy Meleca is an artist and educator based in Toronto, Canada. She holds a MA degree in Interdisciplinary Art history from OCAD University and a MA in Education from the University of Toronto. Her experience in the arts includes working as an art writer, researcher, art gallery manager, arts-educator and graphic designer. When not writing or teaching, Amy continues to develop her multimedia artistic practice.